Ultimi
Cookies PDF Stampa E-mail
Lunedì 01 Giugno 2015 09:05

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Maggiori informazioni

 
Ritirato il D.D.L. PER l' accreditamento diretto di Fiosioterapia PDF Stampa E-mail
Giovedì 01 Agosto 2013 15:20

 

Napoli, 19 luglio 2013 

      

OGGETTO: BREVI CONSIDERAZIONI SUL DISEGNO DI LEGGE RELATIVO ALLE PROCEDURE DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO PER LA FIGURA PROFESSONALE DEI FISIOTERAPISTI

 

 

Spett.le Simfer,

                                                             con la presente Le formulo alcune brevi considerazioni relativo al disegno di legge di cui all’oggetto.

La prima considerazione non può prescindere dall’evidenziare l’estrema genericità delle disposizioni contenute nel detto disegno di legge, soprattutto con riferimento alle prestazioni che sarebbero erogabili all’interno dello studio professionale del FT, come disciplinate dall’art. 5.

Proprio in relazione a tale ultimo articolo, l’estrema genericità dell’individuazione delle prestazioni ivi erogabili di fatto rende potenzialmente sovrapponibili quelle erogabili negli Ambulatori e quelle erogabili negli Studi di Fisioterapia: tuttavia, come ben noto, pur trattandosi sostanzialmente di prestazioni identiche, per gli Ambulatori la vigente normativa richiede una serie di requisiti di gran lunga più complessi e stringenti, lasciando per i secondi anche la possibilità di operare senza la presenza di un medico fisiatra.

Si tratta, a ben vedere, di una pericolosa novità nel campo delle prestazioni di Medicina Fisica e Riabilitativa, con nocumento non solo della professionalità del Medico Fisiatra, ma anche della salute del paziente. Senza dimenticare, ovviamente, le numerose Istituzioni Sanitarie Ambulatoriali Private che verrebbero di fatto a subire una concorrenza sleale da parte degli Studi di Fisioterapia, avendo questi ultimi restrizioni e costi molto più limitati.

Del resto, la disciplina dell’intero disegno di legge si pone in netta ed insanabile contraddizione con il recente “Piano di Indirizzo per la Riabilitazione”, approvato  dalla Conferenza permanente Stato-Regioni il 10.2.2011 e recepito dalla Regione Siclia con decreto dell’Assessorato alla Salute del 16 maggi 2012, pubblicato sulla GURS del 22.06.2012 – anno 66 num. 25. Il detto Piano – come ben noto - nelle sue linee essenziali  ha maggiormente esaltato lo strumento del Progetto Riabilitativo Individuale, con la previsione di un team interdisciplinare che diviene il vero gestore del processo di riabilitazione, muovendo dalla definizione delle priorità, che spettano sempre al Medico specialista in Riabilitazione,  per giungere all’apporto del terapista nella fase attuativa. Il tutto si inserisce sempre nel contesto di un “percorso riabilitativo unico”. E’ evidente, leggendo il testo del Piano di Indirizzo, che quanto previsto  nel disegno di legge di cui si discorre si pone in insanabile contrasto con lo stesso, ponendo per questa via l’operato regionale in evidente contraddittorietà: da un lato, infatti, la Regione ha provveduto correttamente a recepire il Piano di Indirizzo che pone il “progetto riabilitativo individuale” quale caposaldo della Riabilitazione, dall’altro si vorrebbe eliminare la sua operatività con il disegno di legge in discussione, lasciando al FT la possibilità nello Studio professionale di definire il percorso prestazionale e le relative attività terapeutiche.

Leggendo quanto inserito nell’art. 5 alle lettere a), b) c), emerge chiaramente come si sia del tutto svuotato di contenuto la prescrizione medica di cui al primo comma. Si dice che il FT potrà “definire il programma prestazionale…volto all’individuazione ed al superamento del bisogno riabilitativo”; potrà porre in essere “attività terapeutica per la rieducazione funzionale delle disabilità motorie, psico motorie e cognitive utilizzando….”, nonché, infine, procedere alla “verifica delle rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obbiettivi di recupero funzionale”.

Orbene, ferma restando la netta violazione delle prescrizioni contenute nel Piano di Indirizzo, risulta evidente dalla lettura delle riportate disposizioni che il FT andrà ad esercitare nello studio professionale l’attività che è propria del medico, potendo definire la terapia e, addirittura, potendo controllare esso stesso il proprio operato. Non si prevede, infatti, nel disegno di legge alcuna forma di controllo medico sull’operato del FT, pur se a questi vengono lasciate attività proprie della figura del medico per le quali, peraltro, il FT non ha alcuna adeguata preparazione scientifico-culturale.

E’ di tutta evidenza che il sistema delineato dal disegno di legge impedisce di fatto di seguire il metodo adottato proprio dal Ministero della Salute e dalla Regione Sicilia con il Piano di Indirizzo , lasciando che il Fisioterapista, che non è un Medico, attraverso una struttura che, lungi dall’essere un semplice “studio professionale”, potrebbe atteggiarsi come un vero e proprio Ambulatorio, si troverebbe ad erogare prestazioni del tutto identiche a quelle del Medico della Riabilitazione senza che vi sia alcuna forma di “controllo medico” sul suo operato.

Fermo restando quanto dedotto, il disegno di legge presenta la sua più evidente contraddizione nel fatto che, pur pretendendo di disciplinare un semplice “studio professionale”, prevede espressamente un regime autorizzatorio del medesimo.

Invero, come ben noto, dal punto di vista amministrativo, la principale differenziazione di carattere generale è che il linea di principio lo studio professionale non dovrebbe aver bisogno di una specifica autorizzazione, perché l'elemento principale ed esclusivo del suo funzionamento è il professionista, il quale è in possesso dell'abilitazione a svolgere la relativa professione. Viceversa, l'ambulatorio o la struttura sanitaria hanno bisogno, per poter funzionare, di una apposita autorizzazione, in quanto si tratta di un'organizzazione complessa di lavoro, beni e servizi. 

Ed allora, tornando a quanto già in principio rilevato, il disegno di legge sembra “nascondere” sotto la dizione di “studio professionale” del FT , la possibilità che in realtà venga realizzato da questi un vero e proprio “Ambulatorio” per il quale, ripetesi, ci si limita a chiedere il rispetto dei “requisiti minimi (…) che le vigenti normative stabiliscono per l’apertura degli studi professionali.” (art. 2).

Tuttavia, a seguito della riforma sanitaria del 1999, è stata prevista la necessità dell'autorizzazione per gli studi medici ove si eseguono prestazioni di particolare complessità o che comportano un rischio per la sicurezza del paziente e per gli studi dedicati ad attività diagnostiche svolte in favore di terzi.

Ed a ciò si aggiunga, sempre allacciandosi a quanto dedotto in precedenza, che l’elemento fondamentale sul quale si basa l’intero sistema riabilitativo creato dal Legislatore soprattutto a tutela del diritto alla salute del cittadino è rappresentato dall’imprescindibile requisito che l’ambulatorio fisioterapico, per il quale è necessaria l’autorizzazione, sia diretto da un Medico che ne assumerà la responsabilità tecnica e che garantirà la sussistenza all’interno della struttura dei requisiti igienico-sanitari.

Non può revocarsi in dubbio che le illegittime previsioni del disegno di legge in questione in ordine ai requisiti minimi che lo Studio del Fisioterapista deve rispettare sono il frutto di un evidente fraintendimento della disciplina da cui può trarsi la corretta distinzione tra l’Ambulatorio e lo Studio Professionale che si è sinteticamente individuata.

Queste, per il momento, le prime considerazioni sulle più evidente illegittimità contenute nel disegno di legge, certamente meritevoli di ulteriore approfondimento, ma che già danno contezza della necessità di un pronto intervento che miri a ristabilire la legalità nella materia che appare fortemente messa in discussione con le cennate previsioni di quelle disposizioni passate in rassegna.

In attesa di conoscere i successivi sviluppi, si resta a disposizione per ulteriori approfondimenti.

 

 

 

 

 

 

        

 
1° CORSO INTERNAZIONALE TEORICO PRATICO DI TECNICHE MANUALI SUL RACHIDE (TP) 14-15-16 GIUGNO 2013 PDF Stampa E-mail
Lunedì 29 Aprile 2013 09:52

CLICCARE SU LINK SOTTOSTANTE E POI PREMERE DOWNLOAD PER LA PRESENTAZIONE DEL CORSO CON IL RELATIVO PROGRAMMA E IL MODULO D'ISCRIZIONE: 

 http://www.associazioneardiss.it/web/index.php?option=com_phocadownload&view=file&id=11:1d-corso-internazionale-teorico-pratico&Itemid=74

 1° CORSO INTERNAZIONALE

TEORICO PRATICO

LA MEDICINA MANUALE APPLICATA AL RACHIDE 

 

CENTRO MEDICO DI MEDICINA FISICA

E RIABILITAZIONE SOLARIUM

VIALE DELLA PROVINCIA 33

 

CASA SANTA ERICE (TP) 14-15-16 GIUGNO 2013

 

Sono stati richiesti crediti ECM per Medici e Fisioterapisti

 

PRESENTAZIONE DEL 1° CORSO DI MEDICINA MANUALE APPLICATA AL RACHIDE

 

Il corso di Medicina Manuale applicata al rachide che si svolgerà a trapani dal 14 al 16 Giugno ha una peculiarità. Infatti esso ha un respiro internazionale e sarà prevalentemente pratico. Basta leggere il programma per avere la netta sensazione che gli organizzatori del corso hanno imboccato la strada giusta scegliendo Docenti di altissimo profilo e scandendo armonicamente lezioni frontali a esercitazioni frontali a esercitazioni pratiche che vedranno impegnati tutti gli iscritti sotto l’attenta guida del Tutor. La scelta inoltre di trattare specificatamente l’argomento dell’ applicazione di questa disciplina medica ala rachide, nobilita ulteriormente i contenuti del corso poiché è proprio in questo segmento del corpo umano che la medicina manuale trova le più cogenti indicazioni. Non a caso a suo tempo è stata presentato al Senato della repubblica Italiana un Disegno di Legge volto ad istituire e regolamentare un percorso che possa portare alla definizione di “esperto in medicina manuale-vertebrale”. I partecipanti al 1° Corso Internazionale di Medicina Manuale applicata al Rachide avranno modo di apprendere tutte le fasi cliniche che caratterizzano questa disciplina in particolare la diagnosi differenziale che sta alla base della corretta indicazione terapeutica e la semeiotica specifica per poter avere indicazioni precise sulle manovre e sulle strategie terapeutiche da adottare. Completeranno il corso con oltre 10 ore di pratica e con un confronto finale con i docenti di verifica d’apprendimento.

 

 

Prof. Francesco Cirillo

Componente Comitato Scientifico

Istituto Superiore di Sanità

-Roma-

 

PROGRAMMA DEL CORSO

 

VENERDI 14 GIUGNO 2013

Presso sala conferenze Ordine Medici della Provincia di Trapani

 

ORE 15:00 – Presentazione del corso – F. Cirillo – S. Calvaruso

ORE 15:30 – Passato presente e futuro della medicina manuale – J.Aycart–A. Morelli

ORE 16:00 – Anatomia biomeccanica del rachide – A. Morelli – M. Ruga

ORE 16:30 – Indicazioni e controindicazioni della medicina manuale -R.Gomez Ferrer

ORE 17:00 – Coffee break

ORE 17:15 – Sessione Pratica :

Regole di applicazione diagnostica - R.Gomez Ferrer - A. Romeo – S. Lutri – M. Ruga

 

 

SABATO 15 GIUGNO 2013

Presso Centro Medico F.K.T. SOLARIUM

 

 

ORE 9:00 – 13.00  Patologie del rachide cervicale- Esercitazioni

                                 Patologie del rachide dorsale- Esercitazioni

Docenti: R.Gomez Ferrer-  V. Coco - A. Romeo - S. Lutri - M. Perez

ORE 13:30 – 14.30 -Pausa Pranzo

ORE 14:30 – 19.30 - Patologie del rachide lombare- Esercitazioni

                                     Patologie del rachide sacrale- Esercitazioni

Docenti:  J.Aycart -  M. Ruga - A. Romeo - M. Perez

 

DOMENICA 17 GIUGNO 2013

Presso Centro Medico F.K.T. SOLARIUM

 

ORE 9:00 – 12:30 – Integrazione  tra medicina manuale e tecnica manuale.

                                   Intervengono tutti i docenti.

ORE 12:30 - Verifica di apprendimento pratico e test di valutazione con esame finale.

ORE 13:30 – Chiusura del Corso.

 

Docenti e monitori:

R.Gomez Ferrer – Fisiatra Direttore Medicina Fisica e Riabilitazione Ospital General di Valencia (Spagna)

M.  Perez- Responsabile di Hotel Dieu – Sez. Medicina Manuale- Parigi (Francia)

J. Aycart - Direttore Medicina Fisica  e Riabilitazione di S. Sebastian (Spagna)

A- Morelli-  Direttore S.C. Medicina Riabilitativa e Centro Ausili ASF – Firenze

V. Coco – Medico Fisiatra esperto in Medicina Manuale - Catania

S. Calvaruso- Medico Fisiatra esperto in Medicina Manuale –Trapani

A. Romeo - Medico Fisiatra esperto in Medicina Manuale- Siracusa

F. Cirillo-Presidente E.M.R.S.S. Direttore Scentifico Fondazione Sant’Angela Merici SR

M. Ruga - Fiosioterapista esperto in Medicina Manuale - Novara

S. Lutri - Medico Fisiatra esperto in Medicina Manuale - Catania

 
PRIMO COMUNICATO DEL 2013 PDF Stampa E-mail
Venerdì 18 Gennaio 2013 15:10

Cari associati  il 2012 è stato un anno difficile per tutti e in tutti i settori produttivi compreso il nostro. Mi auguro e spero per tutti noi che il 2013 sia un anno di ripresa , da quasi due anni ho lavorato per la nostra categoria da solo,  debbo onestamente dire  con il supporto e l'incoraggiamento del dott. NIGITO SALVATORE  che negli ultimi mesi  mi ha validamente supportato. L'azione di disgregazione portata per puro arrivismo ingiustificato da alcuni ex associati con la creazione di un nuovo sindacato   che tutto ha fatto tranne quello di fare gli interessi della categoria e tutelare il nostro lavoro, ha comportato una stasi nella contrattazione sindacale che negli ultimi tempi è stata  qusi assente. nonostante i cambiamenti politici    e amministrativi avvenuti dopo le elezioni ho continuato il dialogo con il direttore generale dell'assessorato DOTT: SAMMARTANO con cui abbiamo discusso  su una piattaforma trattante che pervede :

LA REVISIONE DELLE TARIFFE E L'ADEGUAMENTO ISTAT DELLE STESSE

LA REVISIONE NORMATIVA DEI PERCORSI PER MIGLIORARNE L'APPLICABILITA'

 I CRITERI ULERIORI DI QUALITA PREVISTI PER  L'ACREDITAMENTO CON LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUL PERSONALE  RIABILITATIVO  .

APPLICAZIONE DEL PIANO DELLA RIABILITAZIONE PUBBLICATO IL 21 DICEMBRE DEL 2013

BUDGET DEL 2013

INSERIMENTO DELLE NOSTRE SRTUTTURE  NELL'ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PREVENZIONE  DEL 2013

 NUOVI CRITERI DI PREMIALITA'

MODALITA E TEMPI DI PAGAMENTO DELLE PRESTAZIONI .

DESIDERO INVITARVI A PARTECIPARE ALL'ASSEMBLEA DEI SOCI CHE VORREI ORGANIZZARE A FEBRAIO VI PREGO DI COMUNICARMI UNA DATA CHE POSSA EANDARE BENE A TUTTI PERCHE' E' INDISPENSABBILE VEDERCI PER DECIDERE TANTE COSE IMPORTATI DA PORTARE A COMPIMENTO  . UN  CALOROSO ABBRACCIO A TUTTI   SALVATORE CALVARUSO

 
un affettuoso saluto di benvenuto a tutti gli associati A:R:D:I:S:S: PDF Stampa E-mail
Venerdì 11 Febbraio 2011 17:13

Finalmente da oggi è operativo il sito web dell'associazione da oggi sarete aggiornati su tutte le novità legislative in ambito riabilitativo. Colgo l'occasione per programmare insieme con voi l'assemblea del'associazione che si terrà a Messina , si è pensato a 2 date   giovedi 24 febraio 2011  o in alternativa l'8 marzo 2011 alle ore 15,30. oggetto dell'assemblea : assegnazione delle risorse 2011; criteri di premialità; progetti di prevenzione;nuovo piano sanitario della riabilitazione  Quote associative , varie ed eventuali. Siete pregati di inviare tramite imeil  del sito che è la seguente : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  quale data preferite, in seguito vedrete puplicata sul sito la conferma della data e il luogo dove si terra l'assemblea. Durante la riunione verrà disrtibuita ad ogni iscritto che sarà in regola con l'iscrizione la password di accesso all'area riservata. Non parlo degli ultimi eventi spiacevoli successi in seno all'associazione da parte di alcuni iscritti. che fra le tante cose si sono pure inventati che  L'A:R:D:I:S:S: non esiste più , questo messaggio è la migliore smentita. A questi colleghi chiedo solo un confronto e un chiarimento pacifico e leale smentendo con i fatti concreti documentalmente provati qunto di brutto e offensivo hanno detto inutilmente in giro. un affettuoso abbraccio a tutti e spero di vedervi numerosi a Messina.                                                  

 

IL PRESIDENTE

SALVATORE CALVARUSO

 

 
BENVENUTI SUL NUOVO SITO ARDISS F.K.T PDF Stampa E-mail
Giovedì 10 Febbraio 2011 11:00

.

 


AREA RISERVATA